Le porkeriole di Flavia

diario e fantasie di una scrittrice di bella presenza

La vacanza di Stefy a Porto Chat – Charlotte

E’ sempre Stefania la musa di queste vicende.

L’Autrice

FLAVIA MARCHETTI

Vincitrice del Premio Saffo Terzo Millennio, XIX edizione, 2019, Flavia Marchetti dal 2005 pubblica con l’editore Enstooghard Ltd – København

©La FlaviaMarchetti 2022

Marina di Chat è la spiaggia che quest’anno va per la maggiore.

Qui trovi tutto quello che vorresti trovare in due settimane di vacanza.

E trovi anche Stefania che vuole approfittare di tutte le virtù che ha Marina di Chat: una estate che si prolunga anche per tutto il mese di settembre… Un’accoglienza da parte dei suoi abitanti e operatori molto calorosa.

Marina di Chat, è un’isoletta famosa per i tanti market, super, ipermarket e outlet disseminati nel suo piccolo territorio.

Qui. La nostra Stefy può sfogare la sua ansia di fare acquisti a un buon prezzo… Possibilità di entrare in esclusive bazze… Come si direbbe dalle nostre parti.

Stefy ha tutte quelle virtù che l’annoverano tra le belle fighe… Alta… Slanciata… Tette della Terza. Armoniose. I fianchi, sembrano lavorati da uno scultore, per mettere in primo piano un paio di glutei sodi. Modellati ad arte per carezze, baci, morsi. Affettuose sculacciate, per vedersele arrossire innanzi alle eccitate labbra.

Stefy quando vi punta gli occhi addosso… se siete maschio ve lo porta all’erezione. Se femmina… ve la troverete ben umida.

Stefy è bongustaia e democratica. Non disdegna il pisello, quando ha la giusta dimensione e una spavalda erezione. Così pure per la fica. Glabra o pelosella, è importante sia disposta ad inumidirsi, anche a sbavare

Il suo progetto vacanziero, comprende godimenti sia con i lui che con le lei.

Con la prima movida e i primi aperitivi Stefy ha già le idee chiare.

Charlotte è il nome d’arte della barista del Cavallino D’Oro. Ogni sera, alle 21:00, quando il bar chiude, ha già mixato e servito qualche centinaio tra cocktail e aperitivi.

Stefy è tra gli ultimi avventori ad avere un buon London Mule da sorbire.

Stefy, per la sua prima movida in quel paese si è allestita da femmina in cerca di compagnia… micro gonna, un corpetto con sfacciato decolté, ombelico a vista. Ogni intimo è rimasto in valigia.

Con la stessa parsimonia, veste anche Charlotte. La cui camicetta, sbottonata nei primi bottoni, lascia, di tanto in tanto, affiorare le procaci poppe. Anch’esse libere da intimi addobbi.

Sono le aureole coi suoi capezzoli ad attrarre l’attenzione di Stefy:

“Fosse un po’ lesbo… Sarebbe un buon bocconcino per qualche leccata”.

Stefy la guarda intensamente con occhiate porche che raccontano quel che le passa per la mente.

<Ti piacciono le mie tette? Vuoi che ti faccia un altro beverone?>.

<Non stai chiudendo?>.

<Con la slumata che m’hai dato alle tette potrei tenerti qui fino a domattina. Se non fosse che fra un po’ viene a prendermi mio marito.>.

<Ah cazzo!>

Le porge un altro long drink:

<Tu non mi fai veder niente di tuo?>.

Stefy trassale poi realizza che anche se c’è un marito di mezzo è sempre un approccio che potrebbe venir buono. Una slumata in giro. Nessuno degli avventori rimasti, potrebbe vedere il gesto che sta per compiere. Una voluminosa pianta ornamentale la sta coprendo alla vista altrui.

Velocemente, solleva la parte inferiore del corpetto. Per qualche momento Charlotte ha la visione dello splendido seno di Stefy. Non solo. Riese pure a farle un’affettuosa palpata e a dirle:

<Domani debbo vederti>.

<Lasciami il tuo account di Facebook. Appena in hotel ti, scrivo>

<Charlotte Bar. Oh c’è già. Marco>

Un bel 35enne si è infilato dietro al banco di mescita. Si scambiano qualche affettuosità coniugale.

Lei rivolgendosi a Stefy:

<Vedi Marco, con lei siamo amiche su Facebook… si chiama Stefy. Ci siamo un po’ scritte. È venuta in vacanza qui a Marina. Mi è subito venuta a conoscere. Carina, no?>.

<Anche una bella figliuola!>.

Aggiunge Marco dandole la mano.

Tra me e me… Scrutandolo dalla testa ai piedi:

“Fortunata te che stasera ti cucchi il suo uccello”

In Hotel non fa in tempo ad organizzarsi che sul suo tablet c’è già la sua richiesta di amicizia in Facebook. Conferma e legge la chat che arriva di seguito.

le dice che da come guardavo la sbottonatura della sua camicetta, sarebbe diveuta la seconda femmina della sua vita.

Dopo aver descritto il suo amore per. Marco… Che da tre anni la gratificava, quasi ogni sera, col suo buon cazzo di ben 23 centimetri: <Quando sborra, il suo schizzo arriva fino a un metro di distanza. In bocca rischia sempre di affogarmi.>

Le racconta la sua prima volta con una femmina:

<È stato all’inizio di questa stagione. In giugno. Si chiama Beatrice. Turista anche lei. È venuta un paio di volte al bar. Mi guardava con lo stesso sguardo che mi hai guardato tu stasera. Uno sguardo che spoglia. Che senti due dita che ti trastullano la clitoride. Impossibile ignorarla. Come ho fatto con te, ho attaccato discorso…>.

Le aveva detto che la desiderava e che non avrebbe smesso di corteggiarla finché non gliela avesse lasciata leccare.

Charlotte che aveva avuto spesso il desiderio di provare quell’emozione. Le aveva dato corda e avevano pianificato un’intrigante percorso per realizzare il loro amplesso. Tenuto conto che, Marco è gelosissimo:

<Ancora non saprei come reagirebbe imparando che sua moglie pratica anche le arti saffiche… Sono passati quattro mesi. Io non ho avuto più occasione di ripetere quello stupendo godimento. Stasera poi, dopo che hai rinverdito quel dolce ricordo, potrei impazzire se non mi vieni in soccorso per mettere in progetto la mia seconda volta. Vedrai quanto ti farò star bene.>

È così che cominciano a buttar giù idee per incontrarsi molto discretamente e godere assieme.

A casa sua non è consigliabile. La madre di Marco ha le chiavi e spesso fa delle improvvisate per le più banali ragioni. L’hotel dove alloggia Stefy è da escludere. Il personale, tutto del paese non avrebbe visto l’ora di cantare ai quattro venti di Charlotte, la barista che si chiude in stanza… Do not disturb… con una femmina…

Resta come superarono gli stessi impasse Charlotte e Beatrice già in giugno: all’ipermarket. Quello della Coop è sicuramente quello che offre più scorci discreti. C’erano anche tante altre ragioni per cui le due donne assieme non avrebbero dato nell’occhio.

Alle 10, come d’accordo, Stefy è a un tavolo del bar all’Ipermarket Coop. Un caffè e una brioche innanzi a lei. Puntuale, la raggiunge Charlotte che intato ha fatto gli acquisti per rifornire il suo bar.

Anche se ne avrebbero tanta voglia, le due si astengono da qualsiasi effusione. Scaricano la tensione libidinosa che le pervade, accarezzandosi continuamente le mani e mostrandosi di tanto in tanto la punta della lingua tra le labbra. Stefy racconta episodi di momenti goderecci vissuti con questa o quella. Charlotte si agita. Il caffè scende caldo nelle loro gole. La loro eccitazione sale:

<È un supplizio stare qui ad accarezzarci le mani. Vediamo se le mani ce le possiamo mettere da qualche altra parte>.

Si alza.

<Seguimi!>.

Va verso le toilette. Stefy è perplessa, ma si lascia guidare

Le toilette sono ancora profumate. Ci sono 3 box molto ristretti nello spazio. Stefy guarda l’amica con aria perplessa.

Charlottte la prende di sorpresa. La spinge contro la porta. Lingua in bocca. Una mano fra le cosce per un’affettuosa strizzata di figa. Stefy, questa mattina non ha indossato l’intimo. Stefy, sorpresa sta al gioco.

Charlottte, sventola il suo asso nella manica: un grimaldello.

In quell’antibagno c’è pure una porta chiusa. Ha inchiodata una targhetta: Privato. Qualche girata di grimaldello e la porta si apre. Anche lì c’è un water, un bidet, un lavandino. In più… una doccia e una poltrona in disuso. Quel bugigattolo ha pure una finestra orientata verso il mare. Lo si vede anche.

Le ragazze si guardano. Si sorridono. Trovano l’interruttore: et fiat lux! Possono ammirarsi. Charlotte, bruciando i tempi, ha già calato la micro gonna. Anch’essa non ha indossato slip. La figa si mostra orgogliosa di sé stessa. Stefy non solo l’imita calando la gonna, ma aggancia Charlotte… la fa a sé, per sentire la propria figa, sfregare contro la sua.

Il bacio che le cementa nell’abbraccio consente a Charlottte di suggerire all’amica cosa ancora manca per completare il quadro:

<Le tette. Tesoro. Dove son finite le tue belle tette?>

Stefy, sfila la t-shirt, mettendo in gioco il suo prosperoso seno.

Charlottte non può essere da meno. L’abbraccio si fa ancora più struggente e una notevole quantità di saliva, cambia bocca.

Le dita di ambedue si danno d’affare fra le cosce dell’altra per stuzzicare il piacere. Queste si smuovono facendo colare in ognuna delle fiche il succo dell’amore.

Charlottte non si trattiene più. Si lascia cadere sulla poltrona. Gambe divaricate. Offre a Stefy la fica spalancata.

Stefy apprezza. Si tuffa con la lingua fra quelle cosce roventi.

È in ginocchio sul duro pavimento. Questo non le impedisce di dare il meglio della propria lingua al canale dell’amore… al beccuccio della piscia… all’irrequieta clitoride:

<Sei una valanga di godimento>.

Amorevolmente, Charlottte le accarezza la chioma.

Una mano di Stefy sulla bocca, le impedirà di divulgare il proprio godimento che al grido di gioia si esprime con contrazioni… sussulti… schizzi di umori.

Stefy, baciandola, la rende partecipe del proprio sapore più intimo.

Charlotte, restituisce abbondantemente a Stefy quanto ricevuto… quasi a sfinirla a colpi di lingua.

Pari con godimenti e orgasmi… Abbandonano quel rifugio di fortuna:

<Sai Stefy… è stato molto più bello questa volta che la prima. Sensazioni più profonde! Chi mi fermerà più? Almeno finche tu sarai qui a Marina.>.

<Già. Anche perché mi piacerebbe farti provare nuove sensazioni con pratiche che in quel bugigattolo è impossibile pensare… Per esempio il 69.>

<Oh cielo! L’ho fatto con Marco e m’è piaciuto. Con te sarebbe una cosa meravigliosa. Se penso alle nostre lingue che si muovono all’unisono… Wow!>

Ognuna di loro è con la propria auto. Ritornano a Marina, una dietro l’altra.

Il viaggio è breve ma le fa passare per Porto Chat. Dove ormeggiano le loro imbarcazioni da diporto diversi vip della zona. Tra questi, una parente di Stefy, industriale della moda. Le fa rinverdire il ricordo di lei, il vederla seduta ad un caffè a lato della strada.

Come una saetta, scocca nella mente un’idea.

“E se?…”

Inchioda l’auto. Charlotte che le è dietro fa altrettanto. Stefy Le fa segno di aspettarla. Va a far quattro chiacchiere con Mirella.

Con lei si sono anche scopate. Da brave troie. Solo per il piacere di far vibrare le loro fighe. Ne è nata una disinteressata amicizia:

<Se hai bisogno di qualcosa. Non ti far scrupolo. Chiedimi>.

Le aveva detto nell’entusiasmo di un bell’orgasmo, l’ultima volta che si erano prese.

<Ciao Mirella. Non mi par vero che oggi, qui, ci sei anche tu>.

Soliti convenevoli… poi la richiesta:

<Sono in giro con una mia conquista sentimentale. Non riusiamo, però, a trovare un angolino intimo e discreto in cui sfogare il nostro tira-tira… Non è che tu ce l’hai, da queste parti per circa un’oretta… Giusto per qualche palpata e un sano 69.>.

La risposta è immediata:

<Se ti può andar bene la cabina di un due alberi. Io ci metto piede solo domani pomeriggio… Guarda è quello ormeggiato lì, innanzi a noi… Queste sono le chiavi. Cercate di non salpare. Non ho ancora fatto il pieno.>

Chrlotte quasi impazzisce di gioia al pensiero che il suo primo 69 al femminile sarà cullato dal moto ondoso di una darsena.

©La FlaviaMarchetti 2022

Lascia un commento

GigitoPC informatica indirizzo: via Argentina Altobelli 28, 40133, Bologna (Solo su appuntamento) GigitoPC informatica indirizzo: via Argentina Altobelli 28, 40133, Bologna (Solo su appuntamento) Icona storia GigitoPC informatica telefono: 348.09.33.582 GigitoPC informatica telefono: 348.09.33.582 GigitoPC informatica whatsapp: 348.09.33.582 GigitoPC informatica whatsapp: 348.09.33.582 GigitoPC informatica email: info@informaticabologna.it GigitoPC informatica email: info@informaticabologna.it Icona freccia destra Gigitopc informatica Facebook Profilo social Facebook Gigitopc informatica Gigitopc informatica Twitter Profilo social Twitter Gigitopc informatica Gigitopc informatica Linkedin Profilo social Linkedin Gigitopc informatica Gigitopc informatica Pinterest Profilo social Pinterest Gigitopc informatica