Le porkeriole di Flavia

diario e fantasie di una scrittrice di bella presenza

In due ci si consola meglio

L’Autrice

FLAVIA MARCHETTI

Vincitrice del Premio Saffo Terzo Millennio, XIX edizione, 2019, Flavia Marchetti dal 2005 pubblica con l’editore Enstooghard Ltd – København

La FlaviaMarchetti 2022

E’ una serata decisamente, No

Simona è in turno di notte. Se n’è andata senza il tradizionale ditalino “A domani”.

Ho il sospetto che quando se ne va così, sia perché quella notte è in turno Isabella, la sua caposala. A cui non riesce a dire di no quando lei gliela vuole leccare. Almeno così dice lei.

È un’ipotesi che mi cala in uno stato di profonda malinconia.

Diventa così una notte nervosa, in cui sento il bisogno di tante… Tante effusioni d’amore.

Stasera mi prende così. Dovrò trovarne il rimedio.

Per un po’ scrivo.… L’ispirazione langue.… Sono irrequieta… Mi do all’alcool: un buon Martini mi porta quel po’ di euforia che può farmi trovare la soluzione per la serata: troieggerò su qualche chat lesbo.

Non siamo frigide è quella che scelgo per sfogare la mia inquietudine e il deluso desiderio:

“Chissà chi troverò disponibile per un 69 virtuale?”

Per essere più libera nell’esprimermi, userò un account che ho creato con un nickname: La bersagliera di Bologna.

Mi tuffo nell’ambiente virtuale esplorando le icone delle ragazze collegate…. E, ce n’è una, i cui lineamenti, pur se ritoccati, richiamano i connotati di persona conosciuta.

Forse è solo un’impressione. La cosa, però, mi intriga … Comincerò da questa:

<Ciao Giulia… Cosa stai facendo di bello?>

Solito dialogo scontato:

< Sei sola?… Cosa indossi?… Ti mando una mia foto… Aspetto la tua… Ti va?…>

Le va!

Mi calo lo slip… Mi sdraio sul divano. Cosce aperte. È Il solito inganno per fingere vero quello che vero non è. In fondo ci si balocca per un banale ditalino.

Lei: <Sono come sei tu. Tutta spalancata.>

< 69?>

<Oh. Che bello! Mi piace tanto!>

< Io, però, starei sotto. Sarei più comoda a leccarti i bordi del buco del culo!>

< Sìììììììì. L’adoro!>

Quel po’ di dialogo che ci siamo scambiate, mi fa sospettare che la fantomatica Giulia sia delle stesse terre in cui vivo io.

Glielo chiederò solo alla fine di questo virtuale 69 che sta per iniziare.

Io: <Ecco! Ho appena appoggiato la figa sulla tua bocca.… Lecca. Troia!>

<Sei già fradicia. Vacca! Ti va se lo facciamo in vocale?>… Accendiamo i dispositivi

Ha una voce calda e sensuale la troietta. Tanto che si stabilisce tra noi un tale feeling che la percepisco proprio qui, con la figa sulla mia bocca… con la lingua che pastrocchia nella mia figa… una lingua calda, vivace e appassionata.

Mi agito…….. mi contorco… scalpito, mentre mi descrive cosa sta lei percependo.

💋 💋

Io: <sìììììì… cosììììììì io e te>

💋 💋

Giulia: <sudate……dolcemente scatenate>

Io: <Bollenti… eccitate>

Giulia: <la tua clitoride tra le labbra per sentirti schizzare sul mio viso… in bocca. Ti bevo>.

💋

Io <Te la succhio… La lecco>

💋

Io: <E’ una delizia>

Giulia: <Sborri Sa di mare>

💋

Io: <Sborri>

Giulia: < E sborri ancora>

Io: <AM OO  REEEEEE>

Giulia: <Mo che figata! Sono  venuta anch’io!!!>

Con labbra e lingua vuole ripulirmi la brodolosa figa.

Ci si abbraccia e restiamo sognanti a guardarci negli occhi.

Di tanto in tanto una parola… Un complimento… Una frase d’amore.

<Socc’mèl, Tesoro. Sei di Bologna anche tu?>

<Mò socc’mla che lo sono!>

<E non ti andrebbe di leccarcela live proprio stasera … Provo di convincerla con qualche piagnisteo… Sono tanto sola.>

< Come no? Adesso poi che ci siamo caricate con il virtuale, sarebbe proprio una bomba… Sputa l’indirizzo prendo il motorino e arrivo… Tu prepara qualcosa di forte da bere… Voglio essere brilla quando appoggerò le labbra su quelle della tua figa.>

< Mandami una tua foto. Non vorrei andarla a leccare a uno che non c’entra niente e che passa da qui.>

< Non te la mando. Stasera è nato tutto per caso, voglio che anche il nostro live sia una sorpresa.>

<O sei un cesso di figa, o sei una grande Troia.>

< Che sia una Troia è vero. Vedrai che ti sbalordirò ma sarai tanto contenta di me.>

<Se pensi di farmi impazzire ti voglio già tanto bene. Fra  quanto ti vedo?>

< Sì e no mezzoretta.>

mezzoretta… uno … mezzoretta… due … mezzoretta… tre … Puntuale come un orologio svizzero, il campanello suona.

Giusto per godere un po’, nell’attesa stavo palpandomi le tette. Le rimetto sotto la t-shirt. Vado ad aprire.

Cazzo!…: < Cosa fai da queste parti. Simona è al lavoro.>

Non è mica la Giulia… La porca che sto aspettando. È mia cognata… Se si può dire… Moglie del fratello di Simona.

Se la sta ridendo. Insiste a voler entrare. Non posso che acconsentire. Se intanto arriverà la Giulia, troverò una scusa per farla sgomberare.

Loredana… Si chiama così… È una bella figliola. Spavalda.… Anche un po’ arrogante. In questo momento lo sta proprio dimostrando. Gironzola per la sala guardando qua e là ma sempre sorridente

< Come mai da queste parti?>

È la domanda che si aspetta:

<Perché sono Giulia. Te l’avevo detto che ti avrei sbalordito.>

< Mi avevi anche detto che sarei stata contenta di te. Ora, non mi sembra ci siano i presupposti.>

< Come? Dopo che mi hai importato da una chat di troie. Dopo quello che ci  siam dette sgrillettandoci non puoi fare la verginella … Vorresti negarmi di onorare quanto ti ho promesso?>

Mi è già accanto. Le sue labbra stanno già navigando sul mio collo:

< E’ da quando sono entrata nella casa degli Zinani e ti ho conosciuta che ti desidero. Stasera che ti ho incontrata per caso, mi sono detta “stavolta non mi scappa”. E sono qua.… Credo che abbiamo diverse cose che possiamo condividere… Perché non condividere anche la figa?>

Sono imbarazzata. Ma ha labbra morbide. Setose. Tra di queste sento impaziente la sua lingua già pronta per entrare in azione.

< Che fai, per il buon nome della famiglia… mi scacci?>

C’è un lungo lasso di tempo in cui i nostri occhi si scrutano interrogativamente, lanciando strali di desiderio.

Sto solo fantasticando tra me che in questo stesso momento, Simona starà ricevendo le coccole dalla sua caposala, sempre in turno anche lei quando la dottoressa Zinani è in turno di notte.

< Sopra quella scala c’è la camera da letto… Corri!>

La spingo verso quella meta. Io dietro di lei.

Non ci diciamo altro. La prima cosa che lei mi sussurra è solo  dopo aver appoggiato la bocca sul mio monte di Venere:

<Sei già bollente ed umida.>

Non avrei scommesso che ne venisse fuori un 69 così vigoroso e partecipato.

La sua lingua scorrazza per tutto il mio basso ventre regalando brividi agli ambiti più remoti della figa

La sua si è spalancata all’inverosimile. Ha reazioni incontrollate ad ogni slinguazzata o succhiata che le dedico.

Rimandiamo a lungo l’orgasmo in quanto il viaggio per arrivarci è di grande piacevolezza.

Ma, a un certo punto, lei:

<Flààà … Non ce la faccio più a trattenermi. Squirto e vengo… Perdonami se ti bagno la faccia.>

Si scatena mettendo in atto una danza forsennata: fatta di gemiti e contorsioni.

< Dio, se sei brava!>

Nondimeno lei che mi ha portato all’orgasmo soprattutto leccando i bordi del buco del culo e il perineo

< come ti senti?>

< Meravigliosamente Tesoro… Adesso mi ci vorrebbe qualcuno che mi inculasse.>

<Sono già qui, Amore.>

Non faccio in tempo a recepire la sua disponibilità che è già con il volto fra le mie cosce. Mani sotto le chiappe. Me le apre. Nuovamente, è con la bocca sul buco del culo. Ci spinge contro con la lingua perché si apra.

Tenterà di trasformare la lingua in un piccolo cazzo: Dentro… Fuori… Dentro… Fuori.

Di seguito, saranno due sue dita, manovrate come si deve, a darmi i succedanei piaceri di una buona inculata.

Sono esausta.

Loredana no.

Si aspetterebbe ancora qualcosa da me.

Pareggio con un appassionato ditalino, baciandola e parlandole dolcemente.

< Con femmine finora, avevo avuto solo qualche exploit quando ero alle scuole medie. Da allora non ci avevo più pensato, se non quando ti ho vista la prima volta. Hai una carica tale di sensualità femminile che mi trovai subito bagnata. Questo mi è tornato a succedere ogni volta che ti ho incontrata. Stasera, dovevo trovare qualcosa da fare che fossi sicura non sarebbe piaciuto a Teodoro.>… Suomarito

< Ti ha cornificato?>

< Sicuramente lo sta facendo proprio in questo momento.>

< Forse, sta succedendo la stessa cosa anche a Simona.>

< Vieni… Mettiti seduta con la figa sulla mia bocca. Proviamo a consolarci assieme. Mentre te la leccherò mi sgrilletterò la clitoride. Verrò quasi subito. Tu dovrai venire assieme a me. Intoneremo una canzone. Quella che ci verrà in mente in quel momento. Sarà un canto d’amore per noi. Un inno di vendetta contro chi ci dà queste stupide pene. Ti va?.>

Loredana sta piangendo. Ci abbracciamo. Un momento dopo è sulla mia bocca con la figa.

Lecco… ciuccio e rilecco. Mi tocco e sgrilletto. Sempre più veloce.… Sempre più intensamente… Godo. Loredana gode. Veniamo in una sarabanda di contorsioni. L’Inno di amore e vendetta non è altro che la musica dei nostri gemiti che salutano l’orgasmo.

Sono quasi le due di notte quando Loredana se ne va da casa mia.

La nostra vendetta si è prolungata fino a quell’ora. Si è ripetuta anche sotto lo scroscio della doccia dove ci siamo lasciate andare ad ulteriori interpretazioni della nostra libidine. Tra cui getti di piscia in bocca e nel culo. Un erotico brindisi alla gelosia e alle pene dell’amore

Lascia un commento

GigitoPC informatica indirizzo: via Argentina Altobelli 28, 40133, Bologna (Solo su appuntamento) GigitoPC informatica indirizzo: via Argentina Altobelli 28, 40133, Bologna (Solo su appuntamento) Icona storia GigitoPC informatica telefono: 348.09.33.582 GigitoPC informatica telefono: 348.09.33.582 GigitoPC informatica whatsapp: 348.09.33.582 GigitoPC informatica whatsapp: 348.09.33.582 GigitoPC informatica email: info@informaticabologna.it GigitoPC informatica email: info@informaticabologna.it Icona freccia destra Gigitopc informatica Facebook Profilo social Facebook Gigitopc informatica Gigitopc informatica Twitter Profilo social Twitter Gigitopc informatica Gigitopc informatica Linkedin Profilo social Linkedin Gigitopc informatica Gigitopc informatica Pinterest Profilo social Pinterest Gigitopc informatica